venerdì 15 settembre 2017

Essere come alberi

La Natura ci è maestra in molti modi.

Se osserviamo un albero mentre il vento lo attraversa, quello che ci colpisce e' insieme dell'albero. L'albero sta al vento con tutte le sue parti in armonia: rami, foglie, tronco. Non c'è una parte che si oppone al vento, che resiste, che cerca di andare in un'altra direzione.

Arriva il vento e tutte le parti, che compongono l'albero in quanto tale, si muovono in armonia.
Non c'è fatica, non c'è compromesso.
C'è il lasciarsi portare come parti di un tutto in armonia con il Tutto.

Nella vita, spesso questa armonia viene a mancare.

Ci sono degli eventi, delle relazioni, delle persone che fanno si' che questa armonia con noi stessi e con il vento della vita venga meno.
In quei momenti dobbiamo fare attenzione a noi, non all'evento o persona che ci sta provocando una resistenza o un cambio di direzione. Notare cosa in noi resiste o non è armonico, e semplicemente accogliere quel qualcosa e quel momento di disarmonia senza portare giudizio. Così facendo ci accogliamo, mantenendo la centratura su di noi e non perdendoci nell'evento o nell'altro.

Diamo tempo al corpo di lasciar svolgere il processo in atto e di imparare di nuovo a seguire il vento come un'unità, con il suo movimento armonioso.
Reimpariamo a essere Alberi.

Maria Cristina Leboffe©2017
(Tutti i diritti riservati, è in preparazione un libro)

Painting: Japanese screen by Seiki Yokoyama


Nessun commento:

Posta un commento

I post più letti